giovedì 30 giugno 2011

MELANZARELLA - Crema di melanzane con pinoli e sfera di mozzarella al basilico.

CATEGORIA: antipasto o portata da buffet.

SPECIAL THANKS: grazie a Simona, insostituibile partner durante una 72 ore in cucina.

I CINQUE SENSI + UNO: SENSAZIONI E RICORDI.
E’ o non è un capolavoro di forma e colore? Che sia tonda o lunga, mastodontica o piccina, penso che la melanzana sia un ortaggio davvero bellissimo. Ciò che più mi affascina di questo è il magnifico colore viola che, secondo la varietà, si manifesta in numerose sfumature, dal lilla al viola-nero. Il fatto che possa anche essere bianca o rossa, non fa altro che avvalorare la mia tesi: la melanzana è un’opera d’arte.
E’ un ortaggio elegante nella sua estetica e nel gusto a mio avviso molto raffinato che può dare origine a piatti rustici, come la celeberrima Parmigiana, o a preparazioni chic, come il crostino di pane casereccio con melanzana grigliata e pesce spada marinato che ho assaggiato a casa della mia cara amica Simona.

La consistenza soda e spugnosa, inoltre, rende la melanzana capace di numerose trasformazioni e di abbaglianti travestimenti: è una pratica e concreta popolana quando, affettata, grigliata e cosparsa di pomodoro, mozzarella e basilico si trasforma in una pizzetta vegetale ed è un’esotica e affascinante viaggiatrice quando si lascia abbracciare dalle spezie in una delle molte versioni di caviale alle melanzane.

IL VOLO PINDARICO, L’IDEA.
Estate: parola d’ordine che ha sviluppato a questo piatto.

Semplicità: necessità imprescindibile impostasi alla vigilia di un buffet di compleanno che comprendeva molte altre preparazioni le quali avevano rosicchiato il tempo a disposizione con inquietante voracità.

Accostamento di gusti classici: per essere rapidi e fare centro, meglio affidarsi ad accostamenti conosciuti.

COSA CI METTO: INGREDIENTI PER 6 PERSONE O PER CIRCA 20 MONODOSE.
  • 2 grosse melanzane tonde, della varietà più dolce
  • 80 grammi di pecorino sardo grattugiato al momento
  • 250 grammi di mozzarella fiordilatte
  • 6 foglie di basilico fresco
  • 80 grammi di pinoli.
  • Olio EVO, sale e pepe bianco macinato al momento q.b.

COME LO FACCIO: PROCEDIMENTO.
Lavo e asciugo la melanzana. Se la stessa non è della varietà dolce, l’affetto, la cospargo di sale grosso e la pongo in uno scolapasta, sotto un peso, affinché perda l’acqua di vegetazione.

Sciacquo le fette di melanzana, le asciugo con carta da cucina e le taglio a cubetti.

In una larga padella antiaderente, verso abbondante olio EVO e lo riscaldo.
Unisco le melanzane e le cuocio a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto, fino a che saranno molto tenere.

Trasferisco le melanzane cotte e ancora calde in una terrina e unisco il pecorino grattugiato che si scioglierà per effetto del calore. Condisco con una macinata di pepe nero e assaggio per regolare di sale, se necessario. Lascio raffreddare.

Nel frattempo, strizzo e asciugo delicatamente le mozzarelle e le pongo nel cutter assieme a un filo d’olio, un pizzico di sale e una leggera macinata di pepe bianco.
Trito le mozzarelle fino a ottenere una sorta di pasta soda, modellabile con le mani. Assaggio e regolo di sale e pepe. Trasferisco il tutto in una terrina e aggiungo il basilico finemente spezzettato con le dita.

Con il composto di mozzarella e basilico formo palline grandi quanto una noce e le ripongo in frigorifero, in un contenitore ermetico.

Trito nel cutter le melanzane ormai fredde e le pongo nei singoli piatti di servizio o nei contenitori monodose per il buffet.

Tosto i pinoli in una padella antiaderente per poi tritarli grossolanamente con un coltello o nel cutter.

Cospargo la crema di melanzane con un po’ di pinoli e pongo al centro una pallina di mozzarella al basilico.

In caso io scelga di servire questo piatto come portata da buffet, avrò cura di infilzare la mozzarella con un bastoncino di legno o bambù e di inserire un cucchiaino nel contenitore monodose, per poi decorare con una foglia di basilico.




I PRESENTI E GLI ASSENTI: principali allergie e intolleranze alimentari.
Crostacei e prodotti a base di crostacei: NO
Uova e prodotti a base di uova: NO
Pesce e prodotti a base di pesce: NO
Arachidi e prodotti a base di arachidi: NO
Cereali contenenti glutine e prodotti derivati: NO
Soia e prodotti a base di soia: NO
Latte e prodotti a base di latte (compreso il lattosio): SI
Frutta con guscio e prodotti derivati: SI
Sedano e prodotti a base di sedano: NO
Senape e prodotti a base di senape: NO
Semi di sesamo e derivati: NO
Lupino e prodotti derivati: NO
Molluschi e prodotti derivati: NO
Patate e prodotti derivati: NO

CHI RESTA E CHI SE NE VA.
I pinoli possono essere omessi.

5 commenti:

LAURA ha detto...

Ciao, complimenti il tuo blog è molto bello, sia come ricette che come presentazione e grafica!!!
Sei molto creativa e originale, ti seguo perchè ho molto da imparare!!!
Se ti fa piacere passa a trovarmi.
A presto

simo ha detto...

Cara Slellyyyyyy!! questo piatto deve essere una bomba di bontà...melanze e mozzarella e pinoli..tra i miei ingredienti preferitisssimi...anche il pistacchio al posto del pinolo ha il suo perchè...ci devo provare!! grazie e super congratulazioni per le foto!..perchè anche l'occhio vuole la sua parte..ma meglio ASSAGGIARE!

Slelly ha detto...

Grazie di cuore ragazze! Il vostro sostegno e' molto piu' che prezioso.

simo ha detto...

Cara Slelly..ho provato la melanzarella perchè non ho potuto resistere! Anche se non si dovrebbe..pero' ho apportato qualche aggiunta..ma poche cose perchè alla fine sono amante dei "gusti" e li aggiungo senza troppo trattenermi..
insieme alle melanzane ho aggiunto uno spicchio non molto grande di aglio che una volta cotto, ho tritato insieme al resto!..ho poi arricchito la boule di mozzarella con una clorofilla di basilico ottenuta tritando in modo energico alcune foglie di basilico ed un po' di acqua gasata...!! niente di che comunque il tuo piatto è spettacolare!!!!! baci

Slelly ha detto...

Ciao Simo!
Proverò sicuramente la tua variante.

La cloforilla al basilico mi attrae moltissimo.

Varia, sperimenta e commenta, mi fa molto piacere questa 'collaborazione'.

Un abbraccio.