martedì 26 agosto 2014

VIETATO AI MINORI - Sedano sciroppato alla grappa con formaggio blu di capra e sfoglie


CATEGORIA: antipasto o piatto per buffet.

I CINQUE SENSI PIU' UNO: SENSAZIONI E RICORDI
Che sia coprotagonista di un soffritto o di un pinzimonio o che sia al naturale, semplicemente ridotto in pezzi e unito a un’insalata, il sedano si rivela un ingrediente irrinunciabile in cucina. Un duro dal cuore morbido, questo ortaggio conserva nella parte più interna un nucleo dove le fibre si fanno più morbide, i verdi più delicati, le foglie più tenere. Il colore che varia dal verde sottile e pallido al verde carnoso e intenso è la promessa di un sapore rinfrescante e delicatamente pungente. La croccantezza e il gusto che lo contraddistinguono lo rendono ideale alleato di formaggi saporiti e morbidi, primo fra tutti il gorgonzola, con il quale ha stretto un duraturo e celeberrimo sodalizio.

IL VOLO PINDARICO: L'IDEA
Ho pensato di sposare il sapore fresco del sedano a quello robusto del formaggio blu di capra. Intenso e avvolgente, ai limiti della piccantezza, questo prodotto caseario si unisce alla dolcezza dello sciroppo di zucchero che avvolge l’ortaggio saltato brevemente in padella e sfumato con la grappa che sgrassa sapori e consistenze e dichiara apertamente che il risultato finale è riservato agli over 18.

sabato 16 agosto 2014

TRISCOTTI RRR STYLE (Recupero, Rispetto, Risparmio) - Panini semidolci multiuso a base di biscotti avanzati


CATEGORIA: prodotto da forno

I CINQUE SENSI PIU' UNO: SENSAZIONI E RICORDI
Se il cibo avanzato è pulito e correttamente conservato può essere utilizzato per preparare piatti conditi con ingredienti fondamentali quali cura, amore e dedizione che prendono posto sulla tavola delle occasioni conviviali, conferendo a queste un importante significato di natura etica, senza perdere in ricercatezza ed eleganza.

Quando apparenti opposti si fondono (in questo caso la presunta povertà degli ingredienti di base che risiede nel loro essere "recuperati" e la tradizionale necessità di conferire ai pasti delle grandi occasioni una nota di solennità e ricercatezza), possono nascere piatti o preparazioni densi di significati simbolici, belli da vedere e buoni da mangiare.

Non sprecate il cibo: ne gioveranno la vostra anima, il vostro senso morale e il vostro bilancio familiare.

IL VOLO PINDARICO: L'IDEA
Questa ricetta è nata in un pomeriggio dedicato al riordino della dispensa. In un barattolo a chiusura ermetica giacevano biscotti frollini artigianali dimenticati da un po' di tempo. La scadenza era ancora lontana, ma la loro consistenza denunciava che non erano più nel fiore degli anni.

Ho pensato a come recuperarli in una preparazione versatile. I Triscotti sono panini semidolci che possono essere utilizzati in molti modi.
A seconda della farcitura scelta, dolce o salata, possono essere basi per la merenda dei bambini o per le cene in piedi.

venerdì 8 agosto 2014

ORTO AL FORNO - Sformatini di melanzane e cipolle farciti su crema di pane e pomodori


CATEGORIA: antipasto

I CINQUE SENSI PIU' UNO: SENSAZIONI E RICORDI
Sto ragionando sul concetto di farcitura e ripieno e penso spontaneamente alla parola sorpresa.

A chi non piacciono le belle sorprese nella vita come a tavola? I cibi che contengono sorprese di gusto attraggono molto. Accendono la curiosità giocando con il senso della vista e la capacità di intuizione, stimolando gli occhi e acuendo le capacità percettive della bocca che rivela sensazioni inaspettate, ludiche.

Dalla pasta ripiena ai tortini al cioccolato con cuore fondente, ditemi: non è forse un gesto sensuale aprire ciò che si ha nel piatto appoggiandovi elegantemente il fianco snello e algido della forchetta, premendo con premura e delicatezza e attendendo il momento di scoprire ciò che è nascosto, ciò che si cela e si fa desiderare come il bacio di qualcuno che sa come usare le armi della seduzione?

O forse i cibi ripieni e farciti ci fanno regredire all'infanzia, riportandoci in una fase prenatale quando, coscienti o meno di esserlo, eravamo al centro del mondo, oggetto di cure fisiologiche, istintive, ma anche volontarie da parte di colei che ci custodiva in grembo?

Penso potremmo discutere all'infinito dei risvolti psicologici di questo tipo di piatti, ma una cosa è certa: li desideriamo.

giovedì 7 agosto 2014

FROM HELL – Devil’s Food Cupcakes statunitensi (cupcakes al cacao e cioccolato)


CATEGORIA: dessert e prodotto da forno

I CINQUE SENSI PIU' UNO: SENSAZIONI E RICORDI
Lasciate ogni speranza o voi che leggete.

Preparatevi all’oblio dell’io e all’annichilimento della forza di volontà.

Rassegnatevi a smarrire la vostra anima in un denso e vellutato vortice di peccaminoso cacao.

Non servirà tentare di fuggire o di impegnare la mente in altre attività durante la cottura dei dolci: il profumo della pasta che starà crescendo nel caldo ventre del vostro forno, incubatrice di un peccato subdolo che si presenterà a voi in un’apparentemente innocente torta monoporzione, vi seguirà ovunque.
Entrerà nel vostro cervello cantando una dolce ninna nanna alle vostre sinapsi che cederanno immediatamente, rendendovi incapaci di opporvi a un solo, primario, imprescindibile istinto: riempirvi le fauci bramose di un sapore diabolicamente delizioso. Di una pasta morbida che si dissolve in bocca, punge e accarezza il palato con le note acide e aromatiche del cioccolato e con l’accento falsamente consolatorio dello zucchero e della vaniglia. Di una spirale cremosa che rinfresca e riscalda al contempo con la sua consistenza inafferrabile.

I Devil’s Food Cupcakes statunitensi sono cibo per anime perdute: non preparateli se tenete alla vostra integrità spirituale. Vi ho avvertiti.

mercoledì 6 agosto 2014

ALMOST GUACAMOLE – Crema di avocado con confettura di peperoncini verdi e crumble di mais


CATEGORIA: antipasto

I CINQUE SENSI PIU' UNO: SENSAZIONI E RICORDI
Sono molte le sensazioni provocate da questo piatto.

La burrosa e vellutata morbidezza dell’avocado, la contraddittoria dolcezza dei peperoncini verdi che rinchiude in un discreto scrigno zuccherino l’eccitante scossa  della piccantezza. La frizzante e allegra croccantezza del crumble di mais, quasi una piccola esplosione di gioia e vitalità che fa pensare alla cucina cui il piatto è ispirato: la multicolore, piena e deliziosa cucina messicana.

Lime e cumino sono sussurri, ricordi, suggerimenti di sapori che non sono propri della nostra cultura e che portano in sé la meraviglia insita nella curiosità, nella scoperta, nei gusti che travalicano i rassicuranti confini di ciò che fa parte del nostro quotidiano gastronomico. Sono come bellissime, piccole stelle azzurre che trapuntano un cielo che non è quello di casa propria.

lunedì 4 agosto 2014

MIGNONMANIA – piccole torte salate di verdura con ricotta mista, cumino e menta


CATEGORIA: antipasto o finger food.

I CINQUE SENSI PIU' UNO: SENSAZIONI E RICORDI
Le torte salate sono capaci di risolvere più di un problema.

Se il frigorifero è trapunto di avanzi come il cielo durante la notte di San Lorenzo lo è dio stelle, se si prospetta un pranzo all'aperto, se si organizza un buffet, se si vuole contribuire alla preparazione di una cena a casa di amici, le torte rustiche sono in cima ai nostri pensieri.

Veloci e semplici, permettono la realizzazione di una delle più affascinanti e divertenti alchimie di cui sono capaci coloro che cucinano: scatenare la fantasia in funzione della necessità.

Che dire poi della pasta sfoglia? Della sua delicata e fragile croccantezza, del sentore di burro grasso e pieno che fa pensare ad Heidi ed alle sue guance rosse, della capacità di questa materia prima di adattarsi a stampi e forme trasformandosi a nostro piacimento, della sua democratica neutralità che la rende protagonista di preparazioni salate e di dessert?

IL VOLO PINDARICO: L'IDEA
La ricetta che segue è nata dalla stanchezza; da quell’arrendevole e rassegnata ricerca di un’idea che si appropria della mia mente quando sono in procinto di mettere qualcosa in tavola oltre alle stoviglie, magari dopo una settimana di lavoro pesante. Come spesso accade nelle situazioni limite o nelle occasioni in cui uno sbaglio è provvidenziale perché, sulla base della teoria del caos, dà come risultato qualcosa di ottimo, queste tortine salate mignon sono riuscite decisamente bene.

Certo, volendo risparmiare tempo e fatica avrei potuto preparare un’unica grande torta, ma nemmeno quando sono stanca e le sinapsi cui affido la materializzazione di un’idea sembrano perdute nel vuoto cosmico riesco a rinunciare ai miei vizi e vezzi: uno fra molti, le monoporzioni.

venerdì 1 agosto 2014

INSALATA POLPOSA – Insalata di polpo con melone, zucchine e pomodorini


CATEGORIA: antipasto

I CINQUE SENSI PIU' UNO: SENSAZIONI E RICORDI
Sera. Odore di salsedine nell’aria. Un leggero vento fresco porta i profumi delle cucine vicine.
Le spiagge sono vuote. La sabbia si riposa e si raffredda.
Il mare continua il suo eterno moto con sottili onde biancastre che accarezzano la riva fradicia.
In strada passeggiano poche persone che mi salutano vedendomi seduta sul terrazzo con quello slancio cortese che e’ tipico dei luoghi di villeggiatura, come quando sulle strade di campagna si incrocia qualcuno e gli si rivolge un sorriso. Ciò non accade in città, chissà perché. Forse la dimensione quotidiana ci rende più’ chiusi o forse in città dovremmo salutare e sorridere troppo spesso.

In questa dolce sera di fine agosto nella quale i problemi di ogni “taglia” sembrano ridimensionati e risolvibili grazie alla fiducia che la quiete e’ in grado di trasmettere, pregusto la mia cena. Fresca, leggera estiva, profumata e per questo godibile in un momento ideale.

IL VOLO PINDARICO: L'IDEA
Fondendo un’idea suggerita da una rivista di cucina con ciò che il frigorifero metteva a disposizione ho pensato a un’insalata molto particolare, ricca di accenti dolci e sapidi, aromatica e dalle variegate consistenze che si sviluppa attorno all'inconfondibile sapore del polpo.