martedì 17 febbraio 2015

HOTMAIS - Zuppa piccante di mais


CATEGORIA: primo piatto

I CINQUE SENSI PIU' UNO: SENSAZIONI E RICORDI
Avete mai pensato a quanta versatilità si nasconde nel mais? A quanti piatti e relative varianti si possono realizzare con questa materia prima? Povera in apparenza, è ricca di gusto dolce e rotondo, venata da note che portano la mente nei campi assolati, nei cortili delle cascine, sulle strade polverose delle campagne in agosto, quando i soli rumori udibili sono il ronzio degli insetti avidi di nettare e i motori dei trattori in lontananza.

IL VOLO PINDARICO: L'IDEA
La naturale dolcezza del mais è perfetta per essere contrastata da sapidità, piccantezza e aromaticità. Ora che il sole capace di farlo maturare è flebile e lontano, questo cereale diventa protagonista di una zuppa rustica che con il suo colore genuino e gioioso rallegra e riscalda le sere d'inverno umide e fredde che evolvono in giorni capaci di trascinare il sonno nelle ore di luce...quel sonno dolcissimo della domenica, quello del piumone bianco sotto al quale c'è spazio solo per i sogni più belli.

COSA CI METTO: INGREDIENTI PER 2 PERSONE
  • 300 grammi di mais fresco (circa due pannocchie piccole) precedentemente lessato
  • 60 grammi di salame piccante stagionato
  • 2 bicchieri di latte intero fresco
  • 1 scalogno
  • Alcuni rametti di timo
  • Tabasco q.b.
  • Paprika dolce q.b.
  • Vino bianco q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe nero macinato al momento q.b.
COME LO FACCIO: PROCEDIMENTO
Taglio il salame a fette e poi a tocchetti. Lo sistemo in una pentola antiaderente assieme ai rametti di timo e allo scalogno tagliato a rondelle sottili. Soffriggo il tutto su fiamma vivace mescolando affinché lo scalogno non bruci. Condisco con sale e pepe e unisco poca acqua calda. Abbasso la fiamma e lascio stufare lo scalogno sino a quando è morbido e trasparente. 


Nel frattempo prelevo il mais passando la lama di un coltello attorno all'anima delle pannocchie. Sgrano con le dita per separare i chicchi che sistemo nella pentola. Mescolo e lascio insaporire per due minuti a fiamma dolce.


Unisco il latte caldo, copro la pentola e cuocio a fuoco basso per 10 minuti.


Trascorso il tempo, prelevo due mestoli di chicchi di mais dalla pentola e li tengo da parte. Elimino i rametti di timo. Riduco la restante zuppa in crema con un frullatore a immersione eliminando ogni traccia di bucce. Aggiungo il mais tenuto da parte, assaggio per regolare di sale e pepe se necessario e rifinisco con alcune gocce di tabasco. Lascio riposare per alcuni istanti cospargo con un po' di paprika dolce e servo accompagnando la zuppa con crostini di pane croccanti.


I PRESENTI E GLI ASSENTI: principali allergie e intolleranze alimentari
Crostacei e prodotti a base di crostacei: NO
Uova e prodotti a base di uova: NO
Pesce e prodotti a base di pesce: NO
Arachidi e prodotti a base di arachidi: NO
Cereali contenenti glutine e prodotti derivati: NO (ad esclusione dei crostini di accompagnamento)
Soia e prodotti a base di soia: NO
Latte e prodotti a base di latte (compreso il lattosio): SI 
Frutta con guscio e prodotti derivati: NO
Sedano e prodotti a base di sedano: NO
Senape e prodotti a base di senape: NO
Semi di sesamo e derivati: NO
Lupino e prodotti derivati: NO
Molluschi e prodotti derivati: NO
Patate e prodotti derivati: NO




1 commento:

Eleonora Gambon ha detto...

Ho sempre trovato ricette simili nei libri americani, mi incuriosiscono, ma non ci ho mai provato...prima o poi la farò anche io!