martedì 16 agosto 2011

DATEVELA A GAMBE(RI) - Gamberi alla tequila con dadolata finissima di verdure in bagno alcolico, piccante.

CATEGORIA: antipasto o portata da buffet.

I CINQUE SENSI PIU' UNO: SENSAZIONI E RICORDI.
Potrei mangiarne così tanti da rischiare, il mattino seguente, di svegliarmi tramutata in un abnorme e corpulento gambero che arranca sul letto. Questa immagine kafkiana ben rappresenta quanto mi piacciano i crostacei.

Paradossalmente, non li cucino spesso, forse perchè a livello inconscio, voglio che mantengano il loro significato intrinseco di cibo dei giorni, o meglio delle sere speciali, di alimento delle vacanze e dei week end trascorsi al mare. Ciò a causa (o grazie) al fatto che quando vivevo ancora in famiglia mia madre, nonostante amasse molto il pesce, lo cucinava poco frequentemente poichè mio padre, nonostante immani sforzi e buona volontà, proprio non riusciva a mandarlo giù. Mia madre ed io, allora, approfittavamo per mangiarlo durante le vacanze al mare o quando tutta la famiglia usciva a cena, oppure ancora(e non potrò mai descrivere la dolcezza di questi ricordi), il giorno in cui lei e io decidemmo di dedicarci una pausa pranzo speciale e andammo in un ristorante torinese famoso per l'eccellente cucina di pesce con l'obiettivo di "toglierci la voglia", come diceva lei.


IL VOLO PINDARICO: L'IDEA.
Ero in un ristorante la cui cucina è definita 'modern american' e che si traduce in una fusione di ingredienti di provenienza 'internazionale' con le nuove tendenze della ristorazione americana che prescinde da tutto ciò che riguarda le catene di fast food.

Il nome di uno dei piatti che ho assaggiato è 'Tacos and Tequila'. Questa è la descrizione del piatto indicata sul menù: tartare di ricciola e crema di avocado avvolte da un taco di farina di frumento fritto e da un ceviche di gamberi in bicchierino. Quest'ultimo mi ha colpito particolarmente e ha ispirato questa ricetta che non è un tentativo di rifacimento, ma un omaggio a un piatto che ho apprezzato moltissimo. Nasce da appunti segnati al volo su un tovagliolo tra un'espressione di estasi e l'altra e dall'ispirazione estemporanea. Il cheviche di gamberi, in particolare, è stato sostituito da gamberi saltati in padella.




COSA CI METTO: INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE.
  • 20 gamberi freschissimi.
  • 1 spicchio di aglio.
  • 1 lime
  • 1/2 peperoncino verde piccante
  • 4 cucchiaini di cipolla bianca ridotta in dadolata finissima
  • 4 cucchiaini di peperone rosso ridotto in dadolata finissima
  • 4 cucchiaini di certiolo ridotto in dadolata finissima
  • 4 cucchiaini di menta e prezzemolo finemente tritati
  • 2 cucchiaini di coriandolo fresco tritato
  • Tequila q.b.
  • Olio EVO q.b..
  • Tabasco q.b.
  • Sale fino q.b.
COME LO FACCIO: PROCEDIMENTO.
Pulisco i gamberi eliminando le teste e il carapace, compresa la coda, li sciacquo e li asciugo delicatamente con carta da cucina.

In una padella scaldo un filo di olio EVO con lo spicchio d'aglio tagliato a metà e privato del germe interno.

Scotto i gamberi in padella per circa un minuto, su fiamma vivace. Sfumo con un'abbondante quantità di tequila che lascio evaporare completamente. Quando l'alcol è evaporato, spengo il fuoco. I gamberi dovranno essere appena scottati e risultare ancora teneri.
Tolgo i crostacei dalla padella e li lascio raffreddare, per poi metterli in frigorifero, coperti, fino al momento di servire.

Nei singoli bicchierini inserisco, suddividendole, tutte le verdure ridotte in dadolata e le erbe. Condisco con il succo e la scorza del lime, il sale e alcune gocce di tabasco, secondo il grado di piccantezza desiderato. Unisco al composto una quantità di tequila sufficiente a riempire per 3/4 il bicchierino. In caso io desideri una preparazione meno alcolica, diluisco la tequila con acqua.

Inserisco i gamberi nei bicchierini, agganciandone uno al bordo, dopo avere praticato un taglio nella polpa.

Servo subito.
NOTE PRATICHE: per rendere ancora più accattivante questo piatto, è possibile bagnare il bordo dei bicchieri in acqua e intingerlo in un mix di sale e zucchero, per creare una 'crosta' decorativa che darà più sapore al momento in cui, consumati i gamberi e le verdure, si svuoterà il bicchierino in un sol colpo...

I PRESENTI E GLI ASSENTI: principali allergie e intolleranze alimentari.
Crostacei e prodotti a base di crostacei: SI
Uova e prodotti a base di uova: NO
Pesce e prodotti a base di pesce: NO
Arachidi e prodotti a base di arachidi: NO
Cereali contenenti glutine e prodotti derivati: NO (attenzione a che la tequila non sia addizionata con sostanze a rischio)
Soia e prodotti a base di soia: NO
Latte e prodotti a base di latte (compreso il lattosio): NO
Frutta con guscio e prodotti derivati: NO
Sedano e prodotti a base di sedano: NO
Senape e prodotti a base di senape: NO
Semi di sesamo e derivati: NO
Lupino e prodotti derivati: NO
Molluschi e prodotti derivati: NO
Patate e prodotti derivati: NO

CHI RESTA E CHI SE NE VA.
I gamberi possono essere sostituiti da pesce bianco.

Nessun commento: