martedì 3 dicembre 2013

VEPACCECI - Crema di verza e patate con acciughe e ceci


CATEGORIA: piatto unico

I CINQUE SENSI PIU' UNO: SENSAZIONI E RICORDI
Quest'anno la neve è arrivata presto. Non è ancora abbastanza tenace da rimanere dove si è posata, ma permette di riconoscere visioni e sensazioni invernali: stasi, riposo, rigenerazione e sottintese promesse di nuovi cicli vitali.

Sabato mattina sono uscita in giardino ad osservare la neve che cadeva. C'è qualcosa di straordinario in questo fenomeno atmosferico. Nonostante lo conosca, l'abbia più volte vissuto, sia parte integrante della stagionalità della mia terra, ogni anno mi sorprende e scatena in me sensazioni latenti di bisogno di calore, sicurezza, tranquillità. Il cuscino bianco che si posa sulle cose trasformandole, la caducità dello spettacolo dei prati e degli alberi travestiti da allegri fantasmi, sono un balsamo per l'anima.

La mia cucina reagisce a questi stimoli: calde zuppe e minestre da consumare nelle sere che si predispongono al gelo notturno diventano protagoniste della mia tavola con il loro potere consolatorio dirompente, seppur composto.

IL VOLO PINDARICO: L'IDEA
Adoro l'abbinamento di verza e acciughe. La dolcezza del vegetale che fa da base a note forti, quasi aggressive e la sapidità del pesce danno vita a un equilibrio di sapori che trovo molto stimolante. In questa ricetta ho inserito le patate che conferiscono rotondità e consistenza alla crema e i ceci che nutrono e ingentiliscono la preparazione con il loro sapore vellutato.


COSA CI METTO: INGREDIENTI PER 4 PERSONE
  • 550 grammi di verza
  • 200 grammi di ceci secchi, precedentemente ammollati e lessati
  • 6 acciughe sotto sale
  • Due spicchi di aglio
  • Una patata di circa 200 grammi
  • Un piccolo porro
  • Una carota media
  • Una piccola costa di sedano
  • Origano secco q.b.
  • Olio EVO q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero macinato al momento q.b.

COME LO FACCIO: PROCEDIMENTO
Trito finemente la verza e taglio le patate a cubetti (io utilizzo anche la buccia).

Riduco il sedano e la carota in un fine trito e taglio il porro a rondelle sottili. Verso poco olio EVO in una capace pentola e unisco sedano, carota, porro, l'aglio spellato e i filetti ricavati da 5 acciughe dissalate e mondate.


Soffriggo il tutto a fiamma dolce fino a quando il porro è morbido e le acciughe sono sciolte. Alzo la fiamma e aggiungo la verza, le patate e 4 cucchiai di ceci. Condisco con poco sale e una macinata di pepe. Lascio insaporire per alcuni minuti mescolando spesso.


Aggiungo acqua fredda in quantità adeguata a non coprire del tutto il contenuto della pentola. Porto a bollore.

Abbasso la fiamma, copro e cuocio sino a quando la verza e le patate sono morbidissime (20-30 minuti).


Nel frattempo riscaldo pochissimo olio in una padella e vi sciolgo i filetti d'acciuga ricavati dal pesce rimasto. Unisco i ceci e condisco con poco sale, pepe e un pizzico di origano. Mescolo e lascio insaporire per un paio di minuti a fiamma vivace. Spengo la fiamma, copro e metto da parte.

A cottura ultimata, frullo cavoli e patate con un frullatore a immersione per ottenere una crema densa, liscia e omogenea. Regolo di sale e pepe se necessario e aggiungo i ceci saltati in padella eccetto 4 cucchiai che tengo da parte. Mescolo e servo accompagnando con i legumi tenuti da parte, appoggiati sulla superficie della crema, dopo aver rifinito con un giro di olio EVO a crudo.


I PRESENTI E GLI ASSENTI: principali allergie e intolleranze alimentari
Crostacei e prodotti a base di crostacei: NO
Uova e prodotti a base di uova: NO
Pesce e prodotti a base di pesce: SI
Arachidi e prodotti a base di arachidi: NO
Cereali contenenti glutine e prodotti derivati: NO
Soia e prodotti a base di soia: NO
Latte e prodotti a base di latte (compreso il lattosio): NO
Frutta con guscio e prodotti derivati: NO
Sedano e prodotti a base di sedano: SI
Senape e prodotti a base di senape: NO
Semi di sesamo e derivati: NO
Lupino e prodotti derivati: NO
Molluschi e prodotti derivati: NO
Patate e prodotti derivati: SI




Nessun commento: