venerdì 9 gennaio 2015

DISCO D'ORO 2015 - Frittata al forno di patate, peperoni e scamorza affumicata


CATEGORIA: piatto unico

I CINQUE SENSI PIU' UNO: SENSAZIONI E RICORDI
Difficile pensare al confort food senza tirare in ballo le frittate, versatili scrigni di delizia, morbidi abbracci di uova che esaltano gli ingredienti che sono loro abbinati.

Mia madre era la regina delle frittate. Riusciva a conferire loro un sapore delizioso e una consistenza semplicemente perfetta. L'esterno brunito e sapido, l'interno cremoso che si scioglieva in bocca. Erano buonissime sia calde, sia fredde e indescrivibili se mangiate tra due fette di pane casereccio. La sua frittata di zucchine era imbattibile, quella di cipolle straordinaria e quella di patate un tripudio di coccole tradotte in sapore.
Le feste trascorse e i loro convivi sono stati per me un'occasione per rispolverare queste preparazioni e uno stimolo a sperimentare accostamenti di ingredienti golosi, dal sapore rotondo e rassicurante.

IL VOLO PINDARICO: L'IDEA
Io friggo pochissimo (praticamente mai, direbbe il mio compagno). Nulla ho contro i fritti ai quali riconosco un'indicibile golosità, ma quando posso, sostituisco la frittura con la cottura al forno. Penso che la frittata sia una preparazione che riesce molto bene anche con questo tipo di cottura.

In questa ricetta le patate si rinfrescano grazie al peperone e alle erbe aromatiche e scalano la classifica della golosità andando a braccetto con la scamorza affumicata che rende la preparazione filante, calda, accomodante e indulgente. Il peperoncino e il tabasco danno un tocco di piccantezza che intensifica le sensazioni.


COSA CI METTO: INGREDIENTI PER 4 PERSONE
  • 300 grammi di patate a pasta gialla
  • 100 grammi di scamorza affumicata
  • 2 uova grandi
  • 1 bicchiere di latte intero fresco
  • 1 peperone (circa 120 grammi)
  • 1 scalogno (circa 50 grammi)
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 rametto di rosmarino fresco
  • 2 foglie di salvia fresca
  • 5 gocce di tabasco
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe nero macinato al momento q.b.
  • Peperoncino fresco q.b.

COME LO FACCIO: PROCEDIMENTO
Scaldo il forno a 200°C.

Sbuccio le patate e le taglio a cubetti non troppo piccoli. Mondo il peperone privandolo di calotta, semi e coste bianche interne e lo taglio a pezzetti.

In una padella che possa andare in forno rosolo lo scalogno tagliato a rondelle sottili e lo spicchio d'aglio in camicia, leggermente schiacciato, fino a quando questo inizia a imbiondire (attenzione a non bruciare lo scalogno). Elimino l'aglio e unisco le erbe aromatiche, il peperoncino fresco, i pezzetti di peperone e le patate. Aggiungo sale e pepe e salto il tutto a fiamma vivace fino a quando le patate hanno formato una leggera crosticina e sono morbide, e i peperoni sono ammorbiditi, mescolando spesso.

Nel frattempo sbatto le uova in una ciotola e le miscelo al latte, al tabasco e alla scamorza affumicata tagliata a pezzetti. Regolo di sale e e pepe.

Elimino le erbe aromatiche dalle patate e verso nella padella le uova, mescolando velocemente. Trasferisco la padella nel forno e cuocio a 200°C per circa 25 minuti o fino a quando la frittata è soda, morbida all'interno e abbrustolita all'esterno. La servo calda o fredda.


I PRESENTI E GLI ASSENTI: principali allergie e intolleranze alimentari
Crostacei e prodotti a base di crostacei: NO
Uova e prodotti a base di uova: SI
Pesce e prodotti a base di pesce: NO
Arachidi e prodotti a base di arachidi: NO
Cereali contenenti glutine e prodotti derivati: NO
Soia e prodotti a base di soia: NO
Latte e prodotti a base di latte (compreso il lattosio): SI
Frutta con guscio e prodotti derivati: NO
Sedano e prodotti a base di sedano: NO
Senape e prodotti a base di senape: NO
Semi di sesamo e derivati: NO
Lupino e prodotti derivati: NO
Molluschi e prodotti derivati: NO
Patate e prodotti derivati: SI




2 commenti:

Eleonora Gambon ha detto...

Goduria, estrema goduria!

Marius Lixandru ha detto...

Questa deve essere proprio un ottima frittata sicuramente da provare. Ottime ricette come sempre Paola. Congratulazioni!