mercoledì 14 giugno 2017

FREISA E MARTINI: UN MATRIMONIO ALL'INSEGNA DEL MITO



Lasciatemelo dire: quando si inizia la settimana come ho fatto io, si può solo essere felici.
Leitmotiv: MITI PIEMONTESI.

Il mito del Freisa (o della Freisa...lasciamo ad ognuno la libertà di definire questo vino come tradizione famigliare vuole), la cui denominazione compie quest'anno 500 anni, e il mito del marchio Martini, che non ha bisogno di presentazioni.

Lunedì scorso sono stata invitata a Casa Martini (Pessione - TO), in occasione di un Evento OFF di introduzione a DI FREISA IN FREISA, la manifestazione che si terrà a Chieri il 17 e 18 giugno.



Tante sono le cose che hanno reso questo evento davvero speciale, a partire dal viaggio nel meraviglioso panorama delle colline chieresi.

Arrivata a Casa Martini, un luogo bellissimo che trasuda eccellenza e buon gusto, sono stata accolta nel mito, appunto e, non ve lo nascondo, da piemontese ho sentito l'orgoglio riempire il mio cuore.


Dalla Terrazza Martini, siamo scesi verso un luogo che ha del mistico, nel vero senso della parola, per arrivare alla Martini Bar Accademy attraverso una porta ricavata da un'antica, enorme botte: un autentico passaggio dimensionale che mette in stretta connessione passato, presente e futuro.








Dopo la presentazione de DI FREISA IN FREISA, abbiamo imparato alcuni segreti per realizzare cocktail perfetti nei quali le eccellenze di Casa Martini sono protagoniste.

Via quindi a Martini&Tonic, MI-TO (ovvero Milano-Torino...ma c'è chi con una buona dose di campanilismo lo chiama Torino-Milano), Americano, Negroni e Negroni Sbagliato, apprendendo piccoli segreti che ci hanno fatto capire che oltre alla miscelazione c'è di più: ci sono gesti, accorgimenti, dettagli che nascondono professionalità e cura, laddove, al primo posto, deve esserci la forza di una materia prima di assoluta qualità.




Abbiamo poi conosciuto uno dei tanti volti del Freisa: la sua capacità di dare vita a cocktail straordinari assieme alle varietà di Martini, ognuna con le sue peculiarità che stimolano i sensi in modi molto diversi gli uni dagli altri.



Con nuova saggezza appena incamerata, ci siamo misurati con una sfida molto stimolante: creare un cocktail che fondesse Freisa e Martini. E...sorpresa e grande soddisfazione: la mia squadra, GLI STORTI, ha vinto con il VIN GLACÈ, la versione estiva del Vin Brulè!
Partendo dalle componenti del Vin Brulè, abbiamo deciso di sfruttare le spezie che conferiscono al Martini Rosè il suo carattere unico e di "citare" gli agrumi profumando il cocktail con arancia e lime. Il tocco finale? Una nota floreale e fresca portata dal liquore St. Germain, a base di fiori di sambuco.


A conclusione dell'evento, abbiamo potuto assaggiare il cocktail preparato da un top barman di Casa Martini, naturalmente a base di Freisa, profumato con un fiore di lavanda: un'esperienza sensoriale coinvolgente e da ricordare...


Il viaggio di ritorno verso casa è stato all'insegna della riflessione: mangiare e bere sono avvenimenti attorno ai quali si generano emozioni, si stringono amicizie, si apprende. Questa è comunicazione, questo è scambio, questo contribuisce a rendere la vita più piacevole.

Non perdete quindi DI FREISA IN FREISA: il calendario è ricchissimo e ci sarà molto da imparare e da...gustare.

Ringrazio Stefano Bosco per avermi coinvolta, Casa Martini per l'accoglienza impeccabile e l'amico Massimo Pavanello: lui sa perchè!


Link utili:

DI FREISA IN FREISA: http://www.comune.chieri.to.it/eventi/freisa-2017

CASA MARTINI: http://www.martinierossi.it/default.aspx?url=http://www.martinierossi.it/casa-martini/default.aspx

E NON DIMENTICATE: il consumo di alcolici è riservato esclusivamente a un pubblico maggiorenne. I minori non devono assumere alcol. BEVETE RESPONSABILMENTE. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito del Ministero della Salute (vai al sito).




2 commenti:

Batù Simo ha detto...

Cara Paola... 🍷 Io dico la freisa, come dico la barbera; questo (l'Italia) è il paese delle interpretazioni e scuole di pensiero, hai ragione! Amo il rosso, e un buon mezzo calice di freisa fresco di cantina lo degusterei molto volentieri 😋

Paola Slelly Uberti ha detto...

A chi lo dici Simona! Se riesci a passare a Chieri fammi sapere.
Ti abbraccio!